SDD Servizi
Servizi e Soluzioni per l'Impresa
SDD Servizi Roma, Servizi e Soluzioni per l'Impresa
Contattaci

Notizie Aggiornamenti e Novità


Notizia 18/10/2018

Decreto Fiscale 2019 pronto....ma ci scappa la manina


Il Governo, nel Consiglio dei Ministri di Lunedì, 15 Ottobre c.a., ha finalmente approvato il Decreto Fiscale, su proposta del presidente Conte e del Ministro del Mef Tria.
....E sul decreto che doveva introdurre la pace (fiscale) è subito guerra. La questione, soprannominata subito della c.d. manina che avrebbe apportato modifiche strada facendo, è relativa proprio al comparto della "pacificazione fiscale", in cui hanno visto la comparsa due provvedimenti di cui poco o niente si era sentito parlare nei giorni scorsi :

1. la Dichiarazione Integrativa speciale
2. il condono penale per il rientro dei capitali dall'estero

Il condono fiscale risultante è quindi apparso senz'altro allargato, non solo rispetto alla questione presentata fin dalla campagna elettorale dello stralcio delle cartelle minime o delle ipotesi di fasce di debito con correlate aliquote da applicare per un "saldo e stralcio" con l'Amministrazione Finanziaria.
Sono entrati in campo una nuova rottamazione (o definizione agevolata) delle cartelle, ma soprattutto uno scudo penale, anche per i casi di riciclaggio.
E' scattata quindi, almeno in diretta televisiva, la denuncia di Luigi Di Maio, vicepremier, che ha lamentato il fatto che sia accaduto un fatto gravissimo, perché il testo sulla pace fiscale arrivato al Quirinale manipolato.

Insomma : per il momento per la pace, non solo fiscale, c'è ancora da attendere!




Notizia 17/10/2018

IRES : riduzione 2019, con approccio incrementale


Per navigare nel tema Flat Tax, il percorso scelto dal nuovo Governo per le imprese, ed in particolare per i soggetti IRES, sarà l'applicazione di una riduzione dell'imposta in determinate situazioni.

in particolare, è stata inserita nel disegno di Legge di Bilancio 2019 la previsione di una riduzione di 9 punti percentuali, dal 24% ordinario al 15% (vale a dire l'aliquota applicata all'Imposta Sostitutiva dei Forfetari), per i soggetti IRES che reinvestiranno gli Utili prodotti in due aree specifiche :
1. Beni Strumentali
2. Assunzioni a tempo indeterminato

Da segnalare, però, il fatto che abbia prevalso il c.d. approccio incrementale.
Vale a dire che l’agevolazione si applicherà soltanto alle spese aggiuntive rispetto agli stessi costi sostenuti nel 2018.

C'è da valutare, inoltre, che la riduzione dell'IRES sostituirà l'ACE, che è stata in vigore, con alterno successo, negli ultimi anni, e impedirà l'introduzione dell'IRI, vale a dire l'applicazione di un'aliquota proporzionale del 24% per il reddito d'impresa e di lavoro autonomo, e con gli utili prelevati che sono invece soggetti, per le persone fisiche, alle aliquote progressive dell'IRPEF.

Se c'è da attendere per la stesura definitiva dell'intera legge, è già possibile iniziare a fare previsioni e calcoli di convenienza per il comparto imprese.




Notizia 16/10/2018

Decreto Fiscale 2019 : approvazione nel CdM


Approvato nella serata di ieri, Lunedì 15 Ottobre c.a., dal Consiglio dei Ministri, il decreto collegato alla Manovra 2019 trova, in tema di pace fiscale, conferme e smentite.

Confermate le anticipazioni della vigilia per la nuova rottamazione delle cartelle, che prevederà, come le due edizioni precedenti, lo stralcio di sanzioni ed interessi. Novità la previsione di un piano quinquennale per il pagamento del dovuto.

Si applicheranno in tal caso gli interessi sulla dilazione nella misura del 2%.
Il piano sarà articolato in massimo dieci rate, con due pagamenti l'anno (fissati a Luglio e a Novembre).
Quindi una dilazione tutta da valutare, con pagamenti concentrati in periodi dell'anno in cui il contribuente ha altri tributi da pagare.

Confermato lo stralcio delle cartelle di importo non superiore a € 1.000.




Notizia 17/09/2018

Fattura Elettronica : l'Agenzia ci mette il Tutorial


Pronto e pubblicato il Tutorial sulla Fattura Elettronica, o meglio sulla procedura, ormai alle porte, per la Fattura Elettronica tra privati.

Si trovano le informazioni principali, peraltro oramai conosciute da tutti, almeno noi addetti.
Sono inoltre indicati i dati principali da indicare e i passagi principali del processo.

Importanti indicazioni sono date sul QR-Code, con i dati del soggetto, da reperire sul sito dell'Agenzia, che consentirà uno scambio veloce e smart (tramite tablet e smartphone) con i propri fornitori di beni e servizi.

Ti consigliamo la visione : se hai ancora dubbi e hai bisogno di informazioni, non esitare a contattarci






Notizia 15/01/2018

IVA 2018 : pronto il modello di dichiarazione....anzi due


Pronto e appena sfornato il Modello di Dichiarazione IVA 2018.



Tra le novita' si segnala il restyling del Quadro VH che dovra' essere compilato esclusivamente per inviare, integrare o correggere i dati omessi, incompleti o errati presenti nelle comunicazioni delle liquidazioni periodiche IVA precedentemente inviate.
Inoltre la sezione II del quadro e' stata interamente trasposta nel nuovo Quadro VM "Versamenti immatricolazione auto UE".
Inserito nel Quadro VO Opzioni il nuovo rigo VO26 per la comunicazione da parte delle imprese minori dell’opzione per la tenuta dei registri IVA senza separata indicazione degli incassi e dei pagamenti (art. 18, c. 5, DPR 600/73).
Il modello di dichiarazione IVA ha struttura modulare ed e' costituito da:

  • il frontespizio composto di due facciate;

  • un modulo, composto di più quadri (VA-VB-VC-VD-VE-VF-VJ-VI-VH-VM-VK-VN-VL-VT-VX-VO-VG), che va compilato da tutti i soggetti per indicare i dati contabili e gli altri dati richiesti.


Novita', inoltre, sui termini di presentazione : dal 1° Febbraio al 30 Aprile 2018.

Approvato anche quest'anno il Modello Semplificato, c.d. IVA BASE, che potra' essere utilizzato dai soggetti Iva che nel corso dell’anno:
1) hanno determinato l’imposta dovuta o l’imposta ammessa in detrazione secondo le regole generali previste dalla disciplina Iva;
2) hanno effettuato cessioni di beni usati in via occasionale;
3) hanno effettuato operazioni per le quali è stato applicato il regime per le attività agricole connesse (art. 34-bis) in via occasionale;
4) non hanno effettuato operazioni con l’estero;
5) non hanno effettuato acquisti ed importazioni in plafond (senza applicazione dell’imposta);
6) non hanno partecipato ad operazioni straordinarie;
7) non sono stati oggetto di trasformazioni sostanziali soggettive.

NON POSSONO QUINDI UTILIZZARE IL MODELLO
• soggetti non residenti con stabile organizzazione
• soggetti non residenti identificati direttamente
• soggetti non residenti con rappresentante fiscale
• SGR che gestiscono fondi immobiliari chiusi
• curatori fallimentari
• commissari liquidatori
• società in Iva di gruppo
• soggetti che hanno presentato nel 2017 dichiarazioni integrative a favore (art. 8, c. 6-bis, DPR 322/1998)







<< < 1 2 3 4 5 6 7 89 10 > >>

Torna SU