SDD Servizi
Servizi e Soluzioni per l'Impresa
SDD Servizi Roma, Servizi e Soluzioni per l'Impresa
Contattaci

Notizie Aggiornamenti e Novità


Notizia 05/01/2018

Saldi ...soldi soldi ?


Nuovo Black Friday in arrivo insieme alla calza della Befana...ma a chi fa bene e a chi nuoce ?
Come ogni anno iniziano oggi in tutto l'italico stivale le ricerche....dello stivale migliore!!!
Ma quanto fa bene questa iniziativa ? sono in tante, tra commercianti ed imprenditori, a dichiarare che questi "Friday" sono proprio neri, perche', di anno in anno, si assiste ad una corsa agli acquisti e ai regali, concentrata in poche settimane se non giorni dell'anno, intervallata da periodi di sosta e fermo che non aiutano le attivita' economiche e commerciali.

Come ogni anno, proliferano articoli su come fare l'affare migliore e su cosa verificare per non farsi fregare : discorsi un po' da giungla, piu' che dal settore economico che coinvolge tutti.

E' ancora presto per confermare o smentire le previsioni di un calo negli acquisti di fine 2017 inizio 2018, ad ogni modo quello che e' chiaro e' che la crisi economica si vede anche in questo : magazzini di merci e prodotti, soprattutto di abbigliamento e calzature, che rimangono per buona parte dell'anno pieni, e che riescono a intaccarsi quasi solo nei periodi di saldi. Per un prodotto che ha un ciclo di vita veramente breve : una stagione (e poi si dice pure che non ci sono piu' le mezze stagioni)!

Auguriamo buoni saldi a tutti, imprenditori e consumatori, sperando che sia per tutti un'occasione buona e positiva.






Notizia 01/01/2018

Un nuovo anno con il botto...del tasso legale!


Nuovo anno, nuovo Tasso Legale!
Come ogni anno, il MEF ha stabilito, con decreto pubblicato in GU Nr 292 del 15 Dicembre 2017, tasso di interesse legale per l'anno 2018.
Dopo anni di trend in discesa (basti ricordare che all'01.01.2017 e' passato dallo 0,2% allo 0,1%), e' questo il primo in controtendenza, con un aumento del 200%.
Ricordiamo che il tasso viene fissato sulla base del rendimento medio annuo lordo dei titoli di Stato di durata non superiore a 12 mesi, tenendo conto del tasso di inflazione registrato nell'anno.

Le operazioni e fatti quotidiani sui quali avra' effetto la modifica sono, come al solito, ad esempio, il Ravvedimento operoso per versamenti omessi o tardivi, i Depositi cauzionali relativi a locazioni e affitti e, comunque i rapporti tra lo Stato e i cittadini (es. nelle pendenze fiscali).

Benvenuto 2018, benvenuto nuovo tasso





Notizia 31/12/2017

San Silvestro 2017 : i migliori auguri...


....da parte dello staff!

Anche quest'anno passato insieme si va chiudendo : cogliamo l'occasione per augurare a tutti di passare San Silvestro con le persone care, in serenita' ed armonia, e di brindare, tra pochi botti e tanti sorrisi, all'arrivo del NUOVO ANNO.

Tanti auguri






Notizia 21/12/2017

Acconto IVA 2017 alla cassa....arriva l'ultimo Vs del 2017


Anche quest'anno siamo giunti alla scadenza del versamento dell’Acconto IVA, che cadrà Mercoledì 27 Dicembre.
Vi ricordiamo che l’adempimento coinvolge i titolari di partita IVA che abbiano chiuso il periodo fiscale 2016 con un debito IVA.
L’acconto Iva 2017 non è dovuto se la somma e' inferiore a 103,29 euro e non e' rateizzabile. Va dunque versato in un'unica soluzione in via telematica tramite il Modello F24 e senza alcuna maggiorazione a titolo di interessi (infatti la maggiorazione dell'1% per interessi dovuta dai contribuenti trimestrali non deve essere calcolata sull'acconto Iva).
Il versamento puo' essere effettuato dal contribuente in via diretta mediante i servizi dell’Agenzia delle Entrate "Entratel" o "Fisconline" oppure tramite i servizi "home banking" messi a disposizione dagli istituti di credito, o tramite gli intermediari abilitati.

Ma quanto bisogna versare ?
L'acconto puo' essere calcolato con tre metodi.
Con il metodo storico, il contribuente deve versare l'88% dell'IVA a Debito di Dicembre 2016, se soggetto con liquidazione mensile, o del IV Trimestre 2016, se soggetto con liquidazione trimestrale.
In alternativa si puo' optare per il metodo c.d. effettivo, in base al quale viene conteggiato quanto dovuto sulle operazioni fino al 20 Dicembre (e quindi dall'1 Dicembre, per i mensili, e dall'1 Ottobre per i trimestrali).
Infine si puo' adottare il metodo c.d. previsionale, in base al quale si conteggia l'Acconto su una previsione del Debito di Dicembre 2017 o del IV Trimestre 2017.

Insomma, tre metodi, una possibilita' di scelta, ma non di rateizzare, e comunque un altro importo da pagare.

Ad ogni modo, come e' nella logica di tutti gli acconti di imposta, quanto versato al 27 Dicembre verra' scomputato da quanto da versare :
-al 16.01.2018, per i contribuenti mensili, dall'IVA di Dicembre 2017
-al 16.03.2018, per i contribuenti trimestrali, dall'IVA Annuale 2017.






Notizia 15/12/2017

Quest'anno sta finendo....quale regime contabile metto sotto l'albero?


Ebbene si', in chiusura d'anno anche i ragionamenti sul regime contabile da applicare per l'anno successivo non possono e non devono mancare.

Oggi piu' che mai, viste le possibilita' a disposizione.
E' chiaro che non facciamo riferimento alle Societa' di capitali, per le quali il regime obbligatorio e' quello ordinario, con la possibilita' di optare per il Nuovo Regime di Cassa ex DL 83/2012.

Per gli altri soggetti, tra i quali si trovano i lavoratori autonomi, le ditte individuali e le societa' di persone, questo e' il ventaglio di possibilita' tra cui scegliere :
1) Regime Forfetario
2) Regime Semplificato
3) Regime Ordinario
4) Regime Ordinario, con applicazione dell'IRI.

Ogni regime ha i suoi pregi e i suoi difetti, ma e' questo il momento giusto per ragionarci sopra, sia per chi deve ancora aprire la P.IVA, sia per chi e' gia' in attivita' da anni : Vi consigliamo quindi di pensarci su, ed eventualmente farvi consigliare in proposito per il meglio.

L'unico grosso dispiacere, relativamente al Regime Forfetario, che oltre ad una serie di semplificazioni contabili, prevede una tassazione bassissima (Imp.Sostitutiva 5%) per i soggetti in fase di start-up, riguarda il fatto che l'Italia non abbia ancora reso effettivo l'innalzamento a E. 60.000,00 ottenuto in sede europea.

Ad ogni modo buona scelta a tutti, per un 2018 che inizi al meglio.





<< < 1 2 3 4 56 7 8 9 10 > >>

Torna SU